Home » Blog » Libri » “La Dama delle Lagune”- Marcello Simoni-Recensione 2022
Marcello Simoni

“La Dama delle Lagune”- Marcello Simoni-Recensione 2022

“La Dama delle Lagune”- Marcello SimoniRecensione 2022-Marcello Simoni, è uno scrittore Italiano.Ex archeologo, laureato in Lettere, ha scritto numerosi romanzi storici.E’ stato vincitore  nel 2012 del Premio Bancarella.

Marcello Simoni
5/5

TITOLO: La Dama delle Lagune

AUTORE: Marcello Simoni

GENERE: Romanzo  storico

TRADUZIONE:

EDITORE: La Nave di Teseo

DATA DI PUBBLICAZIONE: 17 Marzo 2022

PAGINE: 480

RECENSIONE: Ferdinando Gallo

 

Ferdinando Gallo.it

Introduzione

“La Dama delle Lagune”- Marcello SimoniRecensione 20222-

In seguito a una  tempesta, la laguna di Comaclum (attuale Comacchio)restituisce un antico sarcofago di piombo che ha al suo interno il corpo intatto di una fanciulla.  

Esplode il contrasto tra il vescovo Vitale che soprattutto vuole che il ritrovamento venga definito un miracolo in modo da accrescere ancora di più, la sua potenza e la sua ricchezza, mentre  per l’abate Smaragdo in realtà è un cattivo presagio.

Il contrasto per il potere  infatti sconvolge le vite dei suoi abitanti,il magister piscatorum Bonizo e suo figlio, l’ambizioso Grimoaldo, il giovane orfano Eutichio, il falegname Gregorius dall’oscuro passato e Partecipazio, il viscido diacono della cattedrale, detto “Mano di Legno”.

Personaggi Principali

  • Smaragdo       Abate monastero Aula Regia
  • Vitale                 Vescovo di Comaclum
  • Partecipazio      Diacono  detto “Mano di Legno”
  • Teodoro               Abate monastero San Mauro
  • Gregorius            Falegname
  • Lupicino               Monaco
  • Mellito                  Monaco
  • Bonizo                  Magister Piscatorum
  • Grimoaldo           Figlio di Bonizo
  • Romilda               Concubina Vescovo
  • Eutichio               Orfano

Trama

A seguito dell’incoronazione di Carlo Magno nell’anno domini 800, scoppia a causa di ciò,un conflitto tra Cristianesimo e Impero Bizantino, con le coste dell’Alto Adriatico come teatro di scorrerie.

Siamo a Comaclum (Comacchio) e il libro inizia con un battello da pesca il “Vagulus”, comandato da Bonizo, magister piscatorum,che si trova in mezzo ad una tempesta nelle lagune.

Cade in mare un giovane marinaio, Isacio e non riuscendo più a trovarlo tutti pensano che sia morto.

Riescono quindi a portare il battello e loro stessi a riva mettendosi in salvo. Con sorpresa trovano Ignacio vivo ed appoggiato ad un grosso oggetto di metallo.

Ha l’aspetto di un rotolo, con sopra dei graffiti di un’antica scrittura, è infatti una “Capsa”.

Bonzo decideperciò di portare l’oggetto al monastero Aula Regia per avere una ricompensa ,dall’Abate Smaragdo che invece ha un presagio: la Capsa porterà sventura.

Viene comunque aperta da Bonizo e Albino il maniscalco, alla presenza pure dell’Abate e subito sentono un’odore di fiori. Guardando dentro vedono una giovane donna, una fanciulla intatta. Subito dopo il corpo sfiorisce, e tutti pensano ad una allucinazione.

Il romanzo continua con un susseguirsi di storie, fino all’epilogo.

“La Dama delle Lagune”- Marcello Simoni

Conclusione

Bellissimo libro, da un’autore che scrive di romanzi storici, ed è uno dei migliori scrittori Italiani.Ho già letto altri suoi libri.

Questo è appassionante , scritto molto bene, scorrevole e mi è piaciuto molto.Pagina dopo pagina ti prende e vorresti finirlo in fretta per conoscere l’epilogo. Consigliatissimo da leggere.

Torna in alto