Home » Blog » Libri » Storie RRiggitane-2021
Pasquale placanica -Libro-reggio calabria-scrittore

Storie RRiggitane-2021

Pasquale placanica -Libro-reggio calabria-scrittore

Storie RRiggitane

E’ un libro che racconta della mia città, Reggio Calabria. La città in cui sono nato, delle mie radici,della mia spensierata gioventù.

Appena posso ci ritorno sempre volentieri, anche se mi sono trasferito per lavoro a Torino, dal 1981. E’ una città che amo, anche se è piena di problemi irrisolti da decenni.

Storie RRiggitane è il libro scritto da Pasquale Placanica, a cui mi lega una grande amicizia, iniziata sui banchi di scuola dell’Istituto Tecnico Industriale di Reggio Calabria ,nel 1975.

In questo Libro, il suo primo libro,Pasquale Placanica , racconta di piccoli episodi , ricordi e fatti di cronaca,che portano a scoprire il mondo Reggino, dove come riporta la prefazione,la storia e la cultura, si intrecciano con l’ingiustizia e la violenza.

In questo libro,si percepisce quanto l’autore ami questa citta,e tutto il Sud. E’ convinto che Reggio abbia un’anima, che sia una città unica.(anche io lo penso) E’ lei la protagonista, e i personaggi sono solo da contorno.

E’ il primo libro di uno scrittore autodidatta,ma con tanta voglia di imparare e con grandi potenzialità.

Alcuni racconti sono autobiografici, altri di fantasia. L’autore si definisce in questo libro, un praticone, un autodidatta della scrittura, uno scrittore naif”.

Un libro da leggere, soprattuto dai Reggini,un amarcord, una rievocazione nostalgica del passato.

I racconti che compongono il libro sono:

Pastore Reggino – Nonno Americano – Don Saverio – L’Orologiaio – La giostrina della Villa – Le Dimensioni Parallele – La terza dimensione – Bufale su Rotaia – Il Mitomane – Vota Cannolu – L’Innocenza – Onore e ‘nnacamentu – Servizio Militare – Malato di ‘ndrangheta – Il mafioso, lo Stato, il cittadino – Migranti.

Ho provato una sensazione strana, mentre lo leggevo, si chiama Nostalgia, ed è quella che hanno la maggior parte dei Reggini , che non vivono più lì.

Se l’Articolo vi è piaciuto, condividetelo.

Torna in alto