Home » Blog » Libri » Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022
Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022

Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022

Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022.Scrittore e giornalista free lance in lingua italiana iscritto alla Tel Aviv Journalist Association, Michael Sfaradi è anche specializzato in politica mediorientale e analisi militari.

Ha pubblicato tra gli altri:

Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022
4.5/5

TITOLO: Mossad Una Notte a Teheran

AUTORE: Michael Sfaradi

GENERE: Spionaggio

TRADUZIONE:

EDITORE: La Nave Di Teseo

DATA DI PUBBLICAZIONE: 8 Ottobre 2020

PAGINE: 378

RECENSIONE: Ferdinando Gallo

 

Ferdinando Gallo.it

Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022

Introduzione

Il 30 aprile 2018 il premier israeliano Benjamin Netanyahu mostrò in diretta televisiva parte dell’archivio segreto sul nucleare iraniano che agenti del Mossad avevano trafugato a Teheran e portato in Israele.

In un’operazione unica nella storia dello spionaggio, furono sottratti oltre 55.000 documenti, cartacei ed anche elettronici, che avevano un peso totale di cinquecento chilogrammi.

Secondo gli esperti dell’Intelligence israeliana e della CIA, che visionarono il materiale in anteprima, quei documenti erano soprattutto la prova che l’Iran stava ingannando il mondo intero e inoltre cercava ancora di creare l’atomica.

Israele aveva voluto provare al mondo la malafede iraniana, e lo fece  soprattutto attraverso una vasta operazione d’intelligence.

Una spy story tesa e incalzante allo scopo di ricostruire le tensioni politiche, diplomatiche e militari, che caratterizzarono il periodo che precedette le rivelazioni di Netanyahu.

Che, basandosi in particolare, sui misteri dei documenti recuperati, racconta ad esempio come potrebbe essersi svolta una delle più grandi e controverse operazioni della storia dello spionaggio.

 

Personaggi Principali

  • Apostolo 04    Ilan Ghorbani\ Emad agente Mossad
  • Magdala       Saman Yeganeh\ Istruttrice lingua Farsi
  • Margareta Brünner   Ingrid\ Servizi Segreti Tedeschi
  • Jalal Hafez         Amico Ilan
  • Lo Zio                  Amico Ilan   
  • André Van De Velde   Trafficante
  • Atash            Prestigiatore

Trama

Il Mossad, l’Istituto per le informazioni e incarichi particolari, è l’agenzia di Intelligence dello Stato di Israele. E’ stato fondato nel dicembre 1949 su suggerimento di Reuven Shiloah al Primo ministro David Ben Gurion. In ebraico Mossad significa “Istituto”.Il suo capo viene chiamato il Memuneh.

Ilan Ghorbani è figlio di una famiglia di origini persiane che lascia Teheran alla caduta dello Scià e che infatti si rifugia in Israele. Per il fatto di parlare bene anche il Farsi, viene reclutato dal Mossad.

La storia inizia in Germania a Berlino, il 23 Dicembre 2012 dove Ilan, oltre alla mansione ufficiale e di copertura, cioè segretario dell’addetto commerciale, ma ha soprattutto anche altri  compiti.

Deve uscire la sera per andare nei locali dove in particolare si incontrano gli studenti Israeliani che frequentano le varie università berlinesi, fare amicizia e anche parlare con loro.

Assiste ad un’omicidio durante un controllo di routine, da parte di una persona di aspetto mediorientale e  anche da  una donna bionda.

Li ha sentiti parlare di progetti di centrifughe per l’arricchimento dell’uranio. Lui uccide il mediorientale,un iraniano, e prende i documenti che lui ha. La donna però scappa.

Questi documenti rivelano al Mossad che l’Iran sta infatti cercando ancora di costruire un’atomica e che esiste inoltre un accordo segreto tra la Germania e l’Iran, per il passaggio di programmi e soprattutto know-how  nel campo delle centrifughe per l’Uranio.

Da quì il romanzo continua inoltre  fino al quando il 30 aprile 2018 il Premier israeliano Benjamin Netanyahu mostra in diretta televisiva parte dell’archivio segreto relativo al nucleare iraniano, che agenti del Mossad  hanno trafugato a Teheran e portato in Israele.

Mossad Una Notte a Teheran-Recensione 2022

Conclusione

In questo libro, lo scrittore crea uno scenario di fantasia, su una vicenda anche vera e soprattutto come potrebbe essere andata la storia del recupero degli archivi segreti sul Nucleare Iraniano da parte di Israele.

Un bel libro, mi piacciono oltre ai libri storici, anche  i romanzi di spionaggio, sono soprattutto un fan di Le Carrè e Forsythe. L’autore  che è specializzato in politica mediorientale e anche analisi militari,l’ha scritto molto bene . Consigliato da leggere.

Torna in alto