Home » Blog » Libri » Narrativa Straniera » Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende-Recensione 2023
Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende-Recensione 2023

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende-Scrittrice e giornalista cilena, nata in Perù ma cresciuta con la madre in Cile. Dopo aver terminato gli studi a Santiago del Cile, lavora dapprima per la FAO, quindi si dedica a un giornalismo impegnato, scrivendo anche per il cinema e la televisione.

Nipote di Salvador Allende, vive in esilio dal 1973, anno del golpe organizzato dal generale Augusto Pinochet Ugarte, al 1988, anno della caduta di Pinochet.
In esilio scrive il primo romanzo, La casa degli spiriti

Tra i suoi libri

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende
4.5/5

TITOLO: Il Vento conosce il mio nome

AUTORE: Isabel Allende

GENERE: Narrativa

TRADUZIONE: Elena Liverani

EDITORE: Feltrinelli

DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 Settembre 2023

PAGINE: 320

RECENSIONE: Ferdinando Gallo

 

Ferdinando Gallo.it

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende

Introduzione

La fuga dalla tragedia del nazismo in Austria e quella dalla violenza nel Salvador, tra amore, sradicamento e speranza raccontata attraverso la storia di due bambini, che in anni diversi hanno dovuto lottare : Samuel Adler e Anita Díaz tutti e due alla ricerca della propria famiglia.
 
Si troveranno alla fine di un lungo percorso,in una terra lontana da dove sono nati.       

Personaggi Principali

  • Theobald Volker  Ex Colonnello
  • Rudolf Adler  Medico
  • Rachel  Moglie Rudolf
  • Samuel Figlio Rudolf
  • Peter Steiner  Farmacista
  • Edgar Cordero  Padre Leticia
  • Leticia Cordero  Figlia Edgar
  • Selena Durán  Assistente Sociale
  • Anita Díaz  Bimba Salvadoregna
  • Frank Angileri  Avvocato

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende

Trama

Vienna, novembre-dicembre 1938, Rudolf Adler decide  di chiudere prima l’ambulatorio, nell’aria c’è paura.

Quel giorno c’è  stato un attentato a Parigi: un diplomatico tedesco ucciso con cinque colpi di pistola da un giovane ebreo polacco. Gli altoparlanti del Terzo Reich gridano  vendetta, il fanatismo antisemita è immediato, inizia così la “Notte dei cristalli”.

Rudolf ha una moglie, Rachel e un figlio di sei anni di nome Samuel, appartengono alla borghesia  e sono ebrei.

Uomini e ragazzi con la fascia del partito nazista sul braccio saccheggiano e distruggono negozi e case degli ebrei, compresa quella degli Adler.

Ma Theobald Volker, ex colonnello, ariano, che abita nel loro palazzo, nasconde Rachel e Samuel in casa sua, ma Rudolf viene arrestato e deportato  a Dachau.

La Gran Bretagna si offre di accogliere  bambini ebrei, e l’ex militare e convince Rachel a mandarci  Samuel.

Il ragazzo viene affidato prima a una famiglia, ma non si trova bene, poi a un’altra, poi a un’altra e a un’altra ancora, fino a che viene  mandato in orfanatrofio.

Dopo una polmonite, va ad abitare  a casa di Luke e Lidia Evans, che diventano la sua famiglia, e lui non ha più notizie dei suoi genitori.

Dopo la fine della guerra, finisce il liceo e riesce ad iscriversi alla Royal Academy of Music, ma un giorno, a casa sua trova  Heidi Steiner figlia di Peter il farmacista, amico del padre, che gli comunica che il padre, la madre , e la zia, sono morti nei campi di concentramento.

A venticinque anni, decide di andare negli Stati Uniti per studiare la cultura del jazz, e si trasferisce a New Orleans.

 

San Francisco, Nogales, 2019

Selena Durán del progetto Magnolia si reca nello  Studio legale Larson, Montaigne & Lambert,  di San Francisco, in cerca di aiuto, perchè al confine con il Messico, le famiglie vengono smembrate, i figli divisi dai genitori, e servono avvocati volontari per le cause. Frank Angileri si offre per aiutarla.

A Frank viene presentata Anita Díaz  una bambina cieca di sette anni, deve aiutarla a rimanere negli Stati Uniti e non farla rimandare indietro a El Salvador.

Il romanzo continua fino a portarci nel  mondo di Azabahar, dove si vede solo con il cuore.

Il Vento conosce il mio nome-Isabel Allende

Conclusione

Un’altro bellissimo libro di questa famosa scrittrice, che anche con questo romanzo, appassionerà nuovamente i lettori.

Sicuramente da leggere, è appassionante, non banale, coinvolgente.Parla di tragedie vere, di fatti reali, di speranza, di passato e di presente.

Torna in alto