Home » Blog » Libri » Narrativa Italiana » Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023
Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023-Lo scrittore Marco Vichi,ha esordito con numerosi racconti pubblicati su diverse riviste italiane.Nel 1999 pubblica il suo primo libro, “L’Inquilino”. Dal 2002 nei suoi libri appare il Commissario Bordelli, ambientati quasi tutti negli anni ’60.

Tra i suoi libri

 

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023
4/5

TITOLO: Morto due volte

AUTORE: Marco Vichi

GENERE: Poliziesco

TRADUZIONE:

EDITORE: Guanda

DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 Settembre 2010

PAGINE: 112

RECENSIONE: Ferdinando Gallo

 

Ferdinando Gallo.it

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023

Introduzione

In un cimitero di Firenze, c’è una tomba di troppo. Come è possibile che Antonio Samsa giaccia sotto due lapidi, con due diverse date di morte? Quale segreto si cela in una dolorosa pagina della Storia italiana? 

Chi ha voluto nascondere un intrigo fatto di soldi, di bugie e di violenza? Il commissario Bordelli affronta una delle sue più difficili indagini, in un graphic novel evocativo e avvincente.

Personaggi Principali

  • Bordelli  Commissario
  • Mugnai  Poliziotto
  • Diotivede Medico legale
  • Botta  Amico Commissario
  • Totò  Cuoco Ristorante
  • Rosa  Ex prostituta
  • Enzo Maggini  Politico
  • Antonio Samsa  Morto

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023

Trama

Firenze, aprile 1958, Il commissario Bordelli stava passeggiando nel cimitero monumentale delle Porte Sante, e si fermò di fronte a una
lapide e vede un’iscrizione che lo fa sorridere.
Antonio Samsa, 2 aprile 1897 — 4 novembre 1943
Quell’uomo era nato il suo stesso giorno.
 
Era strano che nel ’43 un ebreo venisse seppellito alle Porte Sante, ma il giorno dopo, ricorda di un episodio accaduto un anno prima,al cimitero ebraico di via di Caciolle. Ricorda di avere visto anche lì lo stesso nome.
 
Si reca incuriosito al cimitero ebraico, e scopre che c’è un’altra tomba con lo stesso nome, la stessa data di nascita , ma diversa data di morte.
Antonio Samsa, 2 aprile 1897 — 25 ottobre 1954

Incuriosito inizia a indagare ,riesce a trovare l’indirizzo della moglie di Samsa e si reca da lei.

La donna gli rivela che il marito un ex gioielliere,si è suicidato il 25 Ottobre 1954, che era stato internato in un campo di concentramento negli anni della guerra e che poi da quando era tornato, non era più lo stesso.
 
Bordelli continua ad indagare, fino a che scopre l’amara verità, che non rivela per non fare del male ad altre persone. C’è l’aiuto del tenente colonnello Arcieri, un carabiniere che lavora al SIFAR, che ritroveremo in altri racconti.

 

Morto due volte-Marco Vichi-Recensione 2023

Conclusione

Un’altra avventura del Commissario Bordelli, buon libro, anche se leggero e la trama è abbastanza scontata: un amico traditore, l’inferno della guerra , la deportazione in un campo di concentramento e il mal di vivere.

Libri Marco Vichi Recensiti

Torna in alto