Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione

Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione 2023

Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione-Quinto Album in studio della Band. Disco che  esce nell’ottobre 1970, dopo un periodo di grande attività del gruppo, e dopo il doppio album “Ummagumma” Il nome dell’album è nato da un’idea di Roger Waters, dopo avere letto un articolo su un giornale. Disco mai amato dal gruppo, anche se ha avuto un buon successo di vendite.Anche a me non mi ha appassionato, anche se l’ho comprato, non ha la forza e il vero suono dei successivi album dei Pink Floyd. La Copertina La copertina dell’album (Realizzata dallo studio Hipgnosis) non ha né il titolo né il nome del gruppo, che vengono invece riportati all’interno. Ci sono delle foto di mucche al pascolo, una scelta casuale, perchè nel disco non ci sono riferimenti a questi animali. La prima parte è una Suite strumentale, dove i musicisti si avvalgono della collaborazione di una orchestra sinfonica e di cori. La seconda parte composta da canzoni singole, più un brano strumentale. Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione Formazione Roger Waters – basso, voce David Gilmour – chitarra solista, voce Richard Wright – organo, tastiera, voce Nick Mason – percussioni Lato A Atom Heart Mother                                          la suite interamente strumentale  distribuita su più momenti. Father’s Shout-Inizia con il suono di trombe e tromboni con il gruppo che per la prima volta utilizza un’orchestra in un loro disco. In sottofondo anche il rumore del motore di una motocicletta. Breast Milky-Un brano che fa sognare, le tastiere di Wright che si amalgamano con il suono del violoncello, con il subentro poi della chitarra di Gilmour. Mother Fore-Sulle tastiere di Wright c’è l’ingresso dei cori, con il basso di Waters come una nenia.Un brano emozionante, dove si inserisce poi, la batteria di Mason. Funky Dung-Un brano che inizia tra basso e tastiere con l’inserimento della chitarra di Gilmour, anche quì alla fine c’è l’ingresso dei cori. Mind Your Throats Please-Inizia con il suono delle tastiere che sembra distorto, con l’inserimento del rumore di un treno in corsa, brano di psicadelia pura. Remergence-Da un insieme di suoni che sembrano caotici si torna all’apertura con fiati e trombe, con nuovamente le tastiere e il violoncello a farla da padroni. C’è inoltre l’inserimento della chitarra di Gilmour in un crescendo di suoni e cori fino ad un’apoteosi finale. Lato B If-Inizia con il suono della chitarra acustica che insieme alla voce malinconica di Waters, con qualche sprazzo della chitarra di Gilmour, fa di questo brano, uno dei più delicati della produzione della Band. Summer ’68-Il pianoforte di Wright ci porta ad una gioia, con l’inserimento di orchestra e fiati. Potrebbe essere un inno alla gaiezza dell’estate. Fat Old Sun-Anche quì la chitarra acustica in evidenza, con la voce di Gilmour che fa sognare. Alan’s Psychedelic Breakfast Rise and Shine Sunny Side Up Morning Glory Brano strumentale che rappresenta la giornata di un uomo normale, iniziando dalla prima colazione ,con  uova che friggono. Si sentono delle voci in sottofondo. Cover Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione Cover Interna Disco 1 Atom Heart Mother Father’s Shout Breast Milky Mother Fore Funky Dung Mind Your Throats Please Remergence Disco 2 If Summer ’68 Fat Old Sun Alan’s Psychedelic Breakfast Rise and Shine Sunny Side Up Morning Glory Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione Canzoni e Traduzione Ho anche inserito le parole delle canzoni in Inglese , e le traduzioni in Italiano.(Sono state tradotte con un traduttore per PC).Tutti i diritti e il copyright sono dei Pink Floyd. Pink Floyd-Atom Heart Mother-Disco 1 Atom Heart Mother-Instrumental a) Father’s Shout b) Breast Milky c) Mother Fore d) Funky Dung e) Mind Your Throats Please f). Remergence Atomo Cuore Madre-Strumentale a. L’urlo del padre b. Latte materno c. Madre davanti d. Sterco funky e. Attenti alla gola per favore f. Ricomparsa Pink Floyd-Atom Heart Mother-Disco 2 If If I were a swan, I’d be gone. If I were a train, I’d be late. And if I were a good man, I’d talk with you more often than I do. If I were to sleep, I could dream. If I were afraid, I could hide. If I go insane, Please don’t put your wires in my brain. If I were the moon, I’d be cool. If I were a book, I would bend. If I were a good man, I’d understand the spaces between friends. If I were alone, I would cry. And if I were with you, I’d be home and dry. And if I go insane, Will you still let me join in with the game? If I were a swan, I’d be gone. If I were a train, I’d be late again. If I were a good man, I’d talk to you more often than I do. Se Se fossi un cigno, me ne andrei. Se fossi un treno, sarei in ritardo. E se fossi un uomo buono, parlerei con te più spesso di quanto non faccia. Se dormissi, potrei sognare. Se avessi paura, potrei nascondermi. Se impazzissi, Ti prego, non mettere i tuoi fili nel mio cervello. Se fossi la luna, sarei figo. Se fossi un libro, mi piegherei. Se fossi un uomo buono, capirei gli spazi tra gli amici. Se fossi solo, piangerei. E se fossi con te, sarei a casa e all’asciutto. E se diventassi pazzo, mi lascerai comunque partecipare al gioco? Se fossi un cigno, me ne andrei. Se fossi un treno, sarei di nuovo in ritardo. Se fossi un uomo buono, ti parlerei più spesso di quanto non faccia. Summer ’68 Would you like to say something before you leave? Perhaps you’d care to state exactly how you feel. We say goodbye before we’ve said hello. I hardly even like you. I shouldn’t care at all. We met just six hours ago. The music was too loud. From your bed I came today and lost a bloody year. And I would like to know, how do you feel? How do you feel?

Pink Floyd-Atom Heart Mother-Recensione 2023 Leggi tutto »