Home » Blog » Libri » Il Serpente e il Faraone-Marco Buticchi-Recensione 2022
L'Oro degli Dei-Marco Buticchi-Recensione 2024

Il Serpente e il Faraone-Marco Buticchi-Recensione 2022

Il Serpente e il Faraone-Marco Buticchi-Recensione 2022.Marco Buticchi, il maestro italiano dell’avventura, è nato a La Spezia nel 1957 ha viaggiato moltissimo per lavoro,
nutrendo così anche la sua curiosità, il suo gusto per
l’avventura e la sua attenzione per la storia e il particolare
fascino dei tanti luoghi che ha visitato.

 Ecco alcuni titoli di libri che ha pubblicato:

  • Le Pietre della Luna (1997)
  • L’anello dei re (2005),
  • Il segno dell’aquila (2015),
  • La luce dell’impero (2017),
  • Il segreto del faraone nero (2018)
  • Stirpe di navigatori (2019),
  • L’ombra di Iside (2020)
  •  Il mare dei fuochi (2021)
Il Segreto del Faraone-Marco Buticchi- Recensione 2022
4.5/5

TITOLO: Il Serpente e il Faraone

AUTORE: Marco Buticchi

GENERE: Storico

TRADUZIONE:

EDITORE: Longanesi

DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 Settembre 2022

PAGINE: 552

RECENSIONE: Ferdinando Gallo

 

Ferdinando Gallo.it

Il Serpente e il Faraone-Marco Buticchi-Recensione 2022

Introduzione

Egitto, città di Tebe, maggio 1374 a.C.
Il fiume scorreva pigro, in quel tratto.L’acqua del Nilo indugiava limacciosa prima diaddentrarsi tra le canne della vegetazione vicino alla riva.Iochèbed si guardava attorno impaurita.

Quando fu certa che nessuno potesse vederla, si tolse la gerla dalle spalle e ne estrasse un fagotto che adagiò sull’arenile. Verificò che la pece con cui aveva cosparso la cesta reggesse alle infiltrazioni dell’acqua e che i panni in cui era avvolto il prezioso contenuto riuscissero a stemperare l’odore acre del bitume.

Iochèbed si asciugò le lacrime, rassegnata: quello era il solo modo perché il suo piccolo potesse scampare alla persecuzione del faraone contro i primogeniti ebrei.

Abbandonata la cesta, la donna si allontanò in silenzio.
Rimasto solo, il bambino, tre mesi appena, scoppiò in un pianto disperato. Ma nessuno, in quell’angolo deserto del
Grande Fiume, avrebbe potuto sentirlo.

Inizia così il libro di Marco Buticchi,

Personaggi Principali

  • Mosè       Guida popolo Ebraico
  • Hapi         Comandante marinaio
  • Qeb          Figlio Hapi
  • Akhenaton          Faraone padre Tutankhamon
  • Tutankhamon    Faraone Bambino
  • Aye                    Visir
  • Sigmund Freud           Fondatore Psicoanalisi
  • Conte George Herbert Carnarvon       Egittologo
  • Samuel Dines               Maggiordomo Carnavon
  • Kyle Dines                   Detective di Scotland Yard
  • Hans Meyer                 Spia dell’Ochrana

Trama

Il libro inizia in Egitto, nella città di Tebe (attuale Luxor), maggio 1374 a.C. quando Iochèbed perché il suo piccolo potesse scampare alla persecuzione del faraone contro i primogeniti ebrei, lo abbandona dentro una cesta . Il piccolo viene trovato dalla principessa Bithia e lo chiama Mosè.

Il bimbo cresce a corte con Amenofi che in seguito si farà chiamare Akhenaton e quando scopre di essere Ebreo e vede in quali condizioni vive la sua gente, si ribella e scappa con gli Ebrei, nella terra promessa.

Il libro continua il suo intreccio partendo dal 1889 in Liguria a Portofino ed arriva quasi ai giorni nostri, passando dalla rivoluzione Russa, l’odio verso gli ebrei, l’avvento del nazismo, la seconda guerra mondiale.

Il romanzo parla della ricerca della tomba di Tutankhamon, il Faraone Bambino da parte di George Herbert, Conte di Carnarvon e di Howard Carter, di misteriosi papiri ritrovati al suo interno che potrebbero sovvertire quello che conosciamo della fuga degli Ebrei dall’Egitto. Documenti che potrebbero raccontare come è avvenuto il vero esodo.

Si vengono ad intrecciare delle altre storie, si cerca in tutti i modi di non fare pubblicare, ma poi vengono pubblicati  I Protocolli dei Savi Anziani di Sion che  sono un falso documentale creato dall’Ochrana, la polizia segreta zarista, con l’intento di diffondere l’odio verso gli ebrei nell’Impero russo.

C’è un finale bello e discutibile di cui è meglio non  anticipare niente, per lasciare al lettore la suspence che merita.

Il Serpente e il Faraone-Marco Buticchi-Recensione 2022

Conclusione

Il perno principale è la scoperta della tomba del Faraone Bambino “Tutankhamon” da parte di George Herbert, Conte di Carnarvon e di Howard Carter, a cui sono state legate altre avventure che alla fine del libro porteranno a riflettere un pò.

L’autore nella sua nota scrive di episodi che supporterebbero l’esistenza dei famosi “Papiri” e che molto probabilmente “è una storia da non raccontare”.

Lo scrittore mescola realtà alla fantasia o a verità fantasiose. Ha romanzato fatti veri che con sottigliezza, possono fare nascere ragionevoli dubbi. Bel libro, mi piacciono i romanzi storici. Anche se ha molte pagine, è piacevole ed interessante leggerlo, tutto raccontato molto bene.

Libri Marco Buticchi Recensiti

Torna in alto