Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023

Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023

Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023-Lo scrittore Marco Vichi,ha esordito con numerosi racconti pubblicati su diverse riviste italiane.Nel 1999 pubblica il suo primo libro, “L’Inquilino”. Dal 2002 nei suoi libri appare il Commissario Bordelli, ambientati quasi tutti negli anni ’60. Tra i suoi libri Una brutta faccenda Non tutto è perduto Nulla si distrugge Il commissario Bordelli Un caso maledetto  4.5/5 TITOLO: Il nuovo venuto AUTORE: Marco Vichi GENERE: Poliziesco TRADUZIONE: EDITORE: Guanda DATA DI PUBBLICAZIONE: 2004 PAGINE: 432 RECENSIONE: Ferdinando Gallo   Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023 Introduzione Firenze, dicembre 1965. Un uomo viene trovato ucciso nella sua abitazione con un paio di forbici conficcate nella nuca. Del morto si conosce la professione, redditizia quanto disgustosa: era un usuraio e la gente, quasi a segnalarne l’estraneità, lo chiamava «il nuovo venuto». Da un primo sopralluogo non emergono indizi significativi e così il commissario Bordelli, chiamato a far luce su un delitto che suscita in lui sentimenti contrastanti, il bisogno di far giustizia ma anche una profonda ostilità per la vittima, si appresta a iniziare un’indagine quanto mai ardua. Nel frattempo l’agente Piras è tornato a casa, in Sardegna, per una lunga convalescenza dovuta a una brutta ferita riportata durante una sparatoria. Le sue giornate sono scandite da una noiosa ripetitività, fino al giorno in cui, del tutto inaspettatamente, anche lui si ritrova coinvolto in un caso che ha tutta l’aria di essere un vero e proprio rompicapo. Personaggi Principali Bordelli  Commissario Piras  Poliziotto Mugnai  Poliziotto Diotivede Medico legale Botta  Amico Commissario Totò  Cuoco Ristorante Rosa  Ex prostituta Marisa  Ragazza foto Raffaele Fratello Marisa Odoardo Giovane Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023 Trama Firenze, 12 dicembre 1965, il commissarioBordellli va a trovare l’ex brigadiere Oreste Baragli all’ospedale, gli resta poco da vivere a causa di un male incurabile. Oreste gli chiede di Piras, e lui gli risponde che è  in Sardegna, a Bonarcado, a riprendersi, dopo lo scontro a fuoco avuto con dei banditi. I proiettili hanno colpito l’agente alla gamba e alla spalla. Passati pochi giorni, viene scoperto il cadavere di un usuraio, Totuccio Badalamenti , ucciso con un paio di forbici piantate nella nuca. L’appartamento è a soqquadro, l’assassino non ha trovato quello che cercava. Diotivede , il medico legale, esamina l’usuraio e dice al commissario che il colpevole è mancino, e che nello stomaco ha trovato un’anello, con inciso il nome Carlo. Bordelli  il giorno dopo torna ad ispezionare la casa di Totuccio da solo, e scopre nascoste dietro un quadro, delle foto osè di una ragazza di nome Marisa. Nel frattempo Piras che si trova in convalescenza a casa dei genitori in Sardegna,  si trova alle prese con un caso misterioso: un suo amico viene trovato morto e si pensa a un  suicidio, ma lui riesce a scoprire che è stato ucciso, e allora si mette a caccia del colpevole e del movente. Il commissario, continua nella ricerca dell’assassinio dell’usuraio, ritorna nuovamente nella casa, e scopre sotto una mattonella, foto cambiali, gioielli. Continuando ad indagare alla fine scopre il colpevole e il movente, e ricorderà le parole dell’ex brigadiere Oreste Baragli. “Un poliziotto deve fare il suo dovere fino in fondo, ma prima di tutto deve essere… giusto”. Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023 Conclusione Una nuova avventura del Commissario Bordelli, un personaggio particolare, soprattutto pieno di dubbi, che alla fine riesce sempre ad individuare il colpevole e le motivazioni del suo gesto. Anche in questo libro, l’autore riesce a non farci annoiare, anzi riesce a coinvolgere i lettori. A me piace, e lo consiglio. Libri Marco Vichi Recensiti

Il nuovo venuto-Marco Vichi-Recensione 2023 Leggi tutto »